Verona spumeggiante, per l’Avellino non c’è scampo al Bentegodi (3-1)

image00067

Il nuovo Verona di Mister Pecchia, per la seconda volta in stagione gioca tra le mura amiche, dopo la vittoria 4 a 1 sul Latina della prima giornata; Verona che se vuole stare al passo delle “grandi” deve vincere contro l’Avellino e convincere soprattutto dopo aver raccolto soltanto 1 punto nelle trasferte di Salerno e Benevento.
Partono molto bene i gialloblù e già al 12esimo passabo in vantaggio; la difesa irpina respinge corto e Bessa (scuola Inter), complice anche una mezza papera del portiere Radunovic, calcia forte e trova il gol.
Verona che in più occasioni potrebbe chiudere già nel primo tempo la partita ma spreca troppo e così, come da copione, al 35esimo Belloni calcia di potenza, Fossati la devia alle spalle di Nicolas.
Tutto da rifare. Ma i gialloblù non ci stanno, 3 minuti dopo Pisano lasciato completamente solo da azione da corner raddoppia di testa!
Passano ancora 3 minuti e un gran Rómulo semina il panico in area avversaria, zigzagando tra immobili statuine insacca sul portier ein uscita, e sono 3!
Il primo tempo si conclude sul risultato di 3 a 1 tra gli applausi del Bentegodi per l’ottimo gioco che si è visto.
Pecchia inserisce nella ripresa Zaccagni, Ganz ( sfortunato in 2 occasioni, ma grande la sua prova) e l’ultimo acquisto Troianiello. Niente da fare invece per l’esordio di Enzo Maresca, non ancora in condizione fisica buona per esordire, ma il campionato è lungo e lo vedremo presto in campo.

Avanti così quindi, e forza Verona!

Stefano Saleri

About Stefano Saleri

View all Posts

Italiano di nascita, veronese per fortuna. Nato nel 1991, appassionato di sport e di informatica. Da sempre amante dei colori gialloblu dell' Hellas Verona, gira su e giù, destra e sinistra, in lungo e in largo l'Italia (sperando il prima possibile anche in Europa) a seguito della propria squadra del cuore. Decide di tatuarsi per ben due volte il Verona sulla pelle ancora quando stava nei bassifondi della Lega Pro (ex serie C). La passione non si esaurisce da spettatore perchè la domenica diventa portiere di calcio a 11. Fra le tante passioni, colleziona sciarpe delle squadre di tutta europa, che compra negli stadi in cui fa visita (tra cui lo Stamford Bridge e Upton Park di Londra, il Parc des Princes di Parigi, il Camp Nou di Barcellona, l'Allianz Arena di Monaco e lo Yankee Stadium di New York).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*