Volley A1 femminile: vittorie per Bergamo, Conegliano, Novara, Ornavasso e Piacenza.

Riparte il campionato dopo la sosta per la Coppa Italia e al sabato ca��A? subito un interessante anticipo che vede sfidarsi ad Urbino le padrone di casa della Robur Tiboni Urbino (voto 6) e la Imoco Volley Conegliano (voto 7). Nonostante la differenza di classifica ne esce una partita interessante, con Urbino che continua nella lotta per la��ottavo posto (ultimo utile per i play off), mentre Conegliano con questi tre punti si issa al secondo posto solitario della graduatoria. Urbino parte a spron battuto, Conegliano non approccia bene e dopo un set pieno di ribaltoni A? la squadra di Stefano Micoli a portarsi sulla��1-0 (25-23). La Imoco A? comunque squadra esperta e non si fa prendere dallo sconforto e pareggia subito le sorti del match con un perentorio 20-25. Il terzo parziale A? quello piA? combattuto e che indirizza definitivamente il match verso la squadra di Marco Gaspari. Urbino comanda fino a metA� set poi Conegliano lottando palla su palla opera il sorpasso (15-16) mantenendo il punto di vantaggio fino al 27-27 quando opera il decisivo break e chiude il set 27-29. Nel quarto parziale Urbino si a�?sgonfiaa�? e pur restando in partita (14-16 e 20-21) non impensierisce mai troppo la Imoco che chiude il match con un altro 20-25 e 3-1 finale. Per Urbino Kostic (22) e Leggs (15) le migliori mentre per Conegliano Nikolova (19) e Barazza (14 con 4 muri) spiccano su tutte.

Derby lombardo al PalaNorda tra la Foppapedretti Bergamo (voto 7,5) e la Unendo Yamamay Busto Arsizio (voto 5,5). Vincono le padrone di casa per 3-1 trascinate da una Loda formato nazionale e da un muro invalicabile. Primi due set quasi in fotocopia, uno per squadra e match che mantiene un equilibrio sostanziale: 25-21 Bergamo e 20-25 per Busto. Dal terzo set cambia la musica, la Foppa aumenta la pressione sulla YamamaY grazie al muro e difesa, la squadra di Carlo Parisi deve attaccare molte volte per fare un punto e perde pazienza e luciditA� commettendo 10 errori diretti che condizionano il parziale che si chiude sul 25-18 per la squadra di Stefano Lavarini. Il quarto set vede le due squadre in equilibrio fino al 9-9 poi gli attacchi di Diouf (17) e il muro (16-8 il computo finale per le orobiche) scavano il solco decisivo (16-12 e 21-18) con la��Mvp Loda (20) che chiude sul 25-23 e fa esplodere i 2100 spettatori del palazzo bergamasco: 3-1 e terzo posto in classifica. Per Busto le migliori sono state Bianchini (15) e Ortolani (14).

Sono quasi 3000 gli spettatori che a Piacenza applaudono la RebecchiNordMeccanica Piacenza (voto 6,5) che sfila nel pre-partita con la Coppa Italia vinta 7 giorni orsono. Il clima di festa distrae un poa�� Piacenza che contro la Ihf Frosinone (voto 5,5) parte a rilento e deve cedere a sorpresa il primo set (20-25). Ma la festa per le laziali dura poco e dal secondo set la capolista torna a macinare gioco e punti vincendo i tre successivi parziali con punteggi speculari : 25-20, 25-20 e 25-21. Da segnalare per la squadra di Gianni Caprara i 18 punti in due set di Lucia Bosetti e i 15 di Valeriano in campo per tutti e 4 i set. Un poa�� di turn over per Piacenza che lascia a riposo Leggeri e Van Hecke per tutto il match mentre Meijners e Bosetti ne giocano due a testa. Per Forsinone [Gioli (24) e Angeloni (10)] la classifica non si sblocca e le laziali di Martinez restano sempre al penultimo posto con due punti di vantaggio su ForlA� e quindi sempre a rischio retrocessione.

Proprio a ForlA� la��unico 3-0 di giornata con la Openjobmetis Ornavasso (voto 6) che espugna il campo della Banca di ForlA� (voto 4,5) in tre set sofferti ma che rilanciano le ambizioni play off delle piemontesi che presentavano in campo la statunitense Logan Tom. Le padrone di casa perA? hanno di che recriminare: dopo aver perso nettamente il primo set (17-25) mettono alle corde (vantaggio per 21-18 nel secondo e terzo set) A�la squadra di Massimo Bellano che perA? riesce a mantenere calma e luciditA� e soffrendo oltremodo porta a casa la��intera posta in palio al fotofinish (24-26 e 23-25). Per le ossolane Muresan (13) e Pisani (12 con 7 muri), Tom ancora in ritardo di condizione ne mette a terra 10. Per coach Biagio Marone e la sua Banca di ForlA�, sempre fanalino di coda ma con ancora qualche flebile speranza di salvezza, A�la sola Spelman va in doppia cifra a quota 17.

Il match clou di giornata va in scena allo Sporting Palace di Novara e regala una grossa gioia ai 3000 spettatori che riempiono lo stupendo impianto novarese. La Igor Gorgonzola Novara (voto 8) di Luciano PedullA� batte la Liu-jo Modena (voto 6-) per 3-1 e si regala una giornata di gloria che vale il quinto posto in classifica. Novara sente profumo di impresa e mette subito le cose in chiaro vincendo il primo parziale sul 25-22. Modena A? comunque squadra forte ed esperta e reagisce prontamente impattando le sorti del match: 17-25. Dal terzo set le padrone di casa cambiano definitivamente marcia e con grande applicazione e pazienza sfiancano una Modena che non riesce a trovare continuitA� di risultati. Troppi alti e bassi per la squadra di Mauro Chiappafreddo, che anche quando come nel terzo set si trova in vantaggio (12-16), si smarrisce e dA� il via libera a Novara che trascinata da Rosso (21) vince e si candida a pericolosa mina vagante per il finale di stagione. Ma A? tutto il sistema di gioco plasmato da PedullA� che funziona molto bene con Murphy (15), Casillo (11) e Lombardo (10) che mettono a terra tanti palloni. Per Modena[Piccinini (19) e Rousseaux (12] invece ca��A? ancora tanto da lavorare per recitare la parte da protagonista che la qualitA� del suo roster le impone.

Osservava il proprio turno di riposo la PomA� Casalmaggiore.

 

Edoardo Matella

Edoardo Matella

About Edoardo Matella

View all Posts

Sono nato a Novara il 20 febbraio del 1980 e abito ad Omegna (VB), piccolo centro sul lago d'Orta, alto Piemonte. Fin da ragazzo ho coltivato la passione per lo sport e per la pallavolo nello specifico. Inizio presto ad allenare, ritagliandomi una discreta carriera nelle cosiddette "minors" (Omegna, Ornavasso, Verbania, Castelletto Ticino, Domodossola ed Arona) con un paio di esperienze importanti all'Asystel Novara e al Chieri Volley Club alle quali però non sono riuscito a dare seguito. Smessi i panni del coach dall'agosto 2013 sono dirigente con mansioni di Team Manager delle squadre giovanili dell'Omegna Calcio 1906, dove cerco di portare un po' della mia esperienza maturata in tanti anni di sport! Ora provo a dilettarmi nel raccontarvi cosa accade nel campionato di volley di A1 femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.