Volley femminile, Serie A: terza di ritorno

pallavoloSquadre in campo, nel weekend del 15 e 16 febbraio, per la terza giornata di ritorno della MasterGroupSportVolleyCup di A1 femminile.

In campo al sabato due anticipi che hanno visto vittoriose la Foppapedretti in quel di Frosinone e la Liu-jo Modena in casa nel derby emiliano-romagnolo contro ForlA�.

Il successo di Bergamo in Lazio A? forse piA? netto del 3-1 finale, con il quale le ragazze di Stefano Lavarini espugnano il campo della Ihf Frosinone che resta invischiata con ForlA� nella lotta per non retrocedere in A2. Nel sestetto orobico spazio ancora a Smutna in regia al posto di Weiss (Merlo recuperata torna titolare nello spot di libero) la partenza A? a razzo e viene messa subito in evidenza la differenza tecnica tra i due sestetti. Nel primo parziale non ca��A? quasi partita e la logica conseguenza A? il 25-18 finale per la a�?Foppaa�?. Equilibrio un poa�� piA? marcato nel secondo set (8-7 e 13-16) che perA? si spezza dopo il sedicesimo punto ospite con la��allungo decisivo (16-21) che porta Bergamo sul 2-0: 21-25. La terza frazione rispecchia le prime due ma le lombarde sprecano importanti vantaggi (5-8 e 10-16), nel finale Frosinone ha una reazione da��orgoglio e riesce quasi inaspettatamente a riaprire le sorti del match (25-23).

Coach Lavarini a�?tuonaa�? nel cambio campo e ottiene la sperata reazione delle sue atlete che, in pratica, giocano il quarto set in fotocopia degli altri e tre e portano a casa tre importanti punti buon viatico morale in vista della FinalFour di Coppa Italia della prossima settimana. Diouf (33) e Loda (20) sono le protagoniste di giornata con percentuali in attacco vicine alle perfezione (56% per la��opposta e addirittura 67% per la banda che si candida per un posto in azzurro). Per il sestetto di Mario Martinez buone cose dalle esperte Angeloni (17) e Gioli (14) con buoni numeri anche per la banda Usa Kidder (17) ma il resto del sistema di gioco laziale A? troppo leggero per contrastare una squadra forte e quadrata come Bergamo.

Al PalaCasaModena invece nessun problema per la Liu-jo di Mauro Chiappafreddo che in appena 66a�� di gioco strapazza la Banca di ForlA� e la condanna alla decima sconfitta stagionale per 3-0 su tredici partite giocate. Tutto facile per le padrone di casa che senza spingere troppo sulla��acceleratore vincono e risparmiano importanti energie psico-fisiche in vista della Coppa Italia. Non ca��A? storia nei tre set, tranne la fase centrale del secondo e i punteggi parlano chiaro (25-15, 25-20 e 25-18) per Modena (Fabris (21), Piccinini (12) e Rousseaux (10)) che continua il suo inseguimento alla capolista Piacenza.

Proprio la RebecchiNordMeccanica domenica ha confermato la sua leadership, ma per due set ha faticato prima di aver ragione della PomA� Casamaggiore ed uscire coi tre punti dal palazzetto casalasco. Per le padrone di casa si rivede in panchina il a�?mitoa�? Aguero, mentre Piacenza schiera tutte le sue bocche da fuoco. Primi due set molto interessanti nei quali si vede della ottima palla volo su entrambi i lati del campo, ma la��esperienza di Leggeri e compagne fa la differenza nei finali di set e la PomA� di Alessandro Beltrami pur non demeritando si trova sotto di due set (25-27 e 22-25). Nel finale di secondo set si infortuna il libero di Casalmaggiore Sirressi e la sua uscita fa perdere di qualitA� alla ricezione delle padrone di casa che fanno fatica a costruire un gioco efficace. Piacenza non si fa pregare troppo e pigia sulla��accelleratore ponendo fine alla contesa (18-25). Qualche rammarico per la��esito dei primi due set per la PomA� che manda in doppia cifra Zago (18) e Lipicer (12) ma fatica troppo da posto 4 con Gennari prima e Bacchi poi. Per Piacenza una migliore distribuzione dei punti rende meno leggibile il gioco per le avversarie: De Kruijf (15), Bosetti e Van Hecke (11) ma troviamo anche Leggeri e Meijners con 9 per la Rebecchi che si affaccia alla Coppa Italia da favorita.

Al PalaYamamay di Busto Arsizio (4300 spettatori!!) la Unendo YamamaY centra il secondo 3-0 consecutivo respingendo nettamente le velleitA� della Openjobmetis Ornavasso e vendicando cosA� la inaspettata sconfitta della��andata. Partita con poca storia sempre condotta dalla squadra di Carlo Parisi che, dopo essersi portata sulla��1-0 (25-22), soffre nel secondo set ma non dA� mai la��impressione di poter cedere il parziale alle api di Massimo Bellano (25-21). Il match in pratica finisce qua, il terzo set A? quasi accademia della a�?Yamaa�? che trionfa per la gioia del suo numerosissimo pubblico: 25-17, 3-0 e quinto posto solitario in classifica. Arrighetti (15) la migliore delle sue seguita da Buijs (13) e Michel (11). Per Ornavasso, che attende il a�?curiosoa�� inserimento a�?part-timea�? della leggenda Logan Tom, un match deficitario con la sola Muresan (11) che esce dal marasma e da un misero 26% in attacco di squadra.

Riparte dalle accoglienti mura dello Sporting Palace di Novara la corsa della Igor Gorgonzola di Luciano PedullA�, che asfalta la Robur Tiboni Urbino (3-0, 25-17, 25-20 e 25-12) scesa in campo con un atteggiamento troppo remissivo per poter impensierire una delle squadre piA? in forma in questo scorcio di stagione. Le marchigiane battono male, attaccano peggio e non possono contrastare il ritmo indiavolato e la voglia di ripartire di Novara dopo lo stop di Conegliano della scorsa settimana. La solita Murphy (17), che ben si sta inserendo negli schemi novaresi e Rosso (17) le migliori in casa Igor, con buone cose anche da Lombardo (10). Per Stefano Micoli e la sua Urbino nessuno in doppia cifra e una sconfitta da dimenticare molto in fretta.

 

Edoardo Matella

Edoardo Matella

About Edoardo Matella

View all Posts

Sono nato a Novara il 20 febbraio del 1980 e abito ad Omegna (VB), piccolo centro sul lago d'Orta, alto Piemonte. Fin da ragazzo ho coltivato la passione per lo sport e per la pallavolo nello specifico. Inizio presto ad allenare, ritagliandomi una discreta carriera nelle cosiddette "minors" (Omegna, Ornavasso, Verbania, Castelletto Ticino, Domodossola ed Arona) con un paio di esperienze importanti all'Asystel Novara e al Chieri Volley Club alle quali però non sono riuscito a dare seguito. Smessi i panni del coach dall'agosto 2013 sono dirigente con mansioni di Team Manager delle squadre giovanili dell'Omegna Calcio 1906, dove cerco di portare un po' della mia esperienza maturata in tanti anni di sport! Ora provo a dilettarmi nel raccontarvi cosa accade nel campionato di volley di A1 femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.