Zona Zulie: Avanti col 3!

Continua ad essere un affare per tre squadre, la vetta della Serie A 2017-’18. Per prima è stata l’Inter, con l’anticipo di sabato pomeriggio, a confermarsi a punteggio pieno piegando, non senza qualche difficoltà, il Crotone (0-2).
E’ stata quindi la volta della Juventus, ma sarebbe più giusto dire di Paulo Dybala, nel match dell’ora di pranzo: è stata la sua magnifica tripletta (un gol più bello dell’altro, compresa una magistrale punizione), infatti, a stendere il Sassuolo (1-3) in quel di Reggio Emilia.
Chiude quindi il Napoli, con un tennistico 6-0 rifilato al Benevento nel ‘Derby di San Gennaro’: anche qui una tripletta, quella di Dries Martens, arrivata però con 2 calci di rigore quando il match era già sul 4-0.

Riprende la sua corsa il Milan, che batte l’Udinese senza convincere (2-1), risollevandosi dopo il clamoroso scivolone contro la Lazio.
Proprio le Aquile sono la prima forza all’inseguimento del terzetto di testa, conquistando 3 punti – sudati – anche contro il Genoa, in una sfida a suon di doppiette: quasi scontata, ormai, quella di un Ciro Immobile in stato di grazia. Meno attesa, ma significativa, quella del 16enne Pietro Pellegri, che evidentemente si diverte a segnare alle romane (aveva trovato il suo primo gol nell’ultima giornata dello scorso torneo, contro la Roma).

Nella Capitale vince anche la Roma, ma nemmeno il netto 3-0 rifilato al disastratissimo Hellas Verona convince fino in fondo sul valore della squadra di Eusebio Di Francesco.

Rallenta la Samp, finora pressoché perfetta, fermata sul 2-2 dal Torino, mentre conferma di essersi rimessa in carreggiata la Fiorentina, che batte 2-1 il Bologna nel ‘Derby degli Appennini’.

Importante successo del Cagliari a Ferrara contro la SPAL (0-2), mentre è un pareggio a tutta VAR quello tra Chievo e Atalanta.

 

In Inghilterra continua la diarchia mancuniana, con City e United prima a pari punti e nella differenza reti, con lo stesso numero di gol fatti e subiti. Gli ‘Sky Blues’ trasformano Watford in Wembley e chiudono la pratica con 6 reti (a zero), metà delle quali griffate da un ritrovato Kun Aguero.
Risultato tondo anche per i ‘cugini’ guidati da José Mourinho, che con un 4-0 regolano l’Everton del grande ex Wayne Rooney, al suo primo ritorno all’Old Trafford.
Il Liverpool non va oltre l’1-1 casalingo con il Burnley, mentre Chelsea e Arsenal impattano 0-0 in una sfida sempre carica di polemiche, specie dopo gli ultimi scontri tra le due formazioni, che si sono giocate FA Cup e Community Shield (sempre andate ai ‘Gunners’).

Rimangono Borussia Dortmund e Hannover alla guida della Bundesliga: i gialloneri grazie a un rotondo 5-0 con il Colonia, la sorprendente compagine guidata da Andre Beitenreiter dopo un 2-0 all’Amburgo.
In scia a un punto Bayern (4-0 al Mainz) e Schalke (vittoria per 2-1 a Brema contro la Werder), scavalcando l’Hoffenheim bloccato in casa dall’Herta Berlino (1-1).

Torna alla vittoria il Real Madrid nella Liga, grazie anche a un gol “vecchia maniera” di Gareth Bale; vittoria importante per i campioni d’Europa, dato che bloccano la fin qui sorprendentemente prima della classe Real Sociedad.
Un assist involontario al Barcellona che, dopo il complicato 2-1 in casa del Getafe, rimane da solo al comando della classifica. Dove al secondo posto sale il Siviglia (1-0 a Girona), inseguito proprio dai blancos e dai loro ‘cugini’ dell’Atlético, che hanno festeggiato il nuovo stadio battendo il Malaga 1-0.

In Francia procede la marcia spedita del PSG, che batte anche il Lione e si permette anche un bisticcio tra Neymar ed Edinson Cavani per un rigore, tirato poi dall’uruguaiano e parato dall’estremo difensore avversario.
Il Monaco riprende la sua marcia dopo il crollo di Nizza, con un secco 3-0 allo Strasburgo, con doppietta del ‘solito’ Radamel Falcao.
A proposito di Nizza: i rossoneri vincono grazie a una rete di Mario Balotelli, in un momento davvero buono dopo la doppietta proprio ai monegaschi di cui sopra.
E restando a parlare di ‘italiani di Francia’, altra vittoria per il Nantes di Claudio Ranieri, che sta facendo la formichina e mette punti in cascina. Bravo!

 

Per oggi è tutto, prossima settimana avremo due turni di Serie A di cui parlare, dato che tra domani e mercoledì si giocherà l’infrasettimanale…

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.