Zona Zulie: Il duello continua

Care e cari a�?zonazuliste/ia��, scusandomi per il ritardo (una serie di intoppi a livello di trasporti mi hanno tenuto lontano dalla tastiera oltre il dovuto, ieri) eccomi qui anche questa settimana per il nostro consueto appuntamento, ovviamente dalle pagine HTML di a�?SportBloggersa��!

La scorsa settimana avevamo messo la��accento su quello che si stava profilando come un gioco a due tra Napoli e Juventus, e quanto occorso nel weekend non ha fatto altro che confermare questo trend.

La��inatteso 1 a 1 casalingo della��Inter contro la a�?cenerentolaa�� Carpi, infatti, ha fatto aumentare il vantaggio alle prime della classe, che hanno brillantemente superato ostacoli sulla carta ben piA? difficoltosi di quello affrontato dai nerazzurri.

I partenopei primi in classifica hanno espugnato a�?Marassia��, affrontando una Sampdoria che A? sA� molto altalenante, ma proprio per questo estremamente pericolosa.

Tanto A? vero che, in un paio di occasioni ha saputo riaprire la partita, e proprio in queste circostanze si A? vista la forza della squadra di Sarri, brava immediatamente a richiuderla, cosa che le difettava invece nella gestione Benitez.

Impegno forse ancora piA? ostico quello della Vecchia Signora, che ospitava una Roma vogliosa e bisognosa di rilancio, dopo che la��1 a 1 casalingo contro il Verona ultimo in classifica non aveva certo inaugurato nel migliore dei modi possibili la nuova avventura giallorossa di Luciano Spalletti.

Il quale, conscio del momento poco felice della sua squadra, decide di abbandonare (momentaneamente?) le velleitA� del a�?bel giocoa��, passando ad un 3-5-2 decisamente difensivo per tentare magari il colpaccio di rimessa.

Ma la Juventus di oggi, maturata a suon di vittorie, non si A? fatta fregare come sarebbe potuto succedere un girone fa: non si A? fatta prendere dal nervosismo e ha colpito quando ha potuto, grazie al solito Dybala, sempre piA? a�?uomo copertinaa�� (anche per a�?Zona Zuliea��, ovviamente!).

Il mezzo passo falso della squadra di Mancini ha favorito anche la Fiorentina, ripartita con un bel 2 a 0 al Torino, e ora appaiata a Icardi e compagni al terzo posto in classifica.

In a�?zona Europa Leaguea�� bene solo la Lazio, che si impone con un netto 4 a 1 in rimonta sul Chievo, segnando tra la��altro il primo solco in classifica proprio a discapito dei veronesi.

Il Sassuolo, un poa�� a sorpresa, incassa la prima sconfitta casalinga contro un Bologna che, in prospettiva, la��anno prossimo potrebbe ricalcarne le gesta, se riuscirA� a rinforzarsi e a non cedere troppi pezzi a�?pregiatia��, visto che potrA� contare fin dalla��inizio su Donadoni, la��allenatore della svolta arrivato in corsa.

Pareggio (2 a 2) tra Empoli e Milan, una sfida dove la notizia sta giA� nel fatto che si trattasse di uno scontro diretto, visto la��abisso a livello di blasone e mezzi tra le due compagini.

I toscani si giocano col succitato Sassuolo la palma di sorpresona del campionato, mentre per il Diavolo continua il limbo di una ricostruzione che mette in fila praticamente solo passi falsi, mentre la fantomatica trattativa con Mr. Bee assume sempre di piA? i toni della farsa, irritando non poco i tifosi.

Nella zona calda respira il Palermo, che con un secco 4 a 1 certifica la crisi della��Udinese, da tempo nA� carne nA� pesce.

Impattano 0 a 0 Atalanta e Frosinone, mentre ancora non riesce a trovare la vittoria il Verona, fermato sulla��1 a 1 in casa contro il Genoa.

Nel frattempo sta entrando nel vivo il mercato a�?di riparazionea��, di cui vi daremo puntuale conto nel prossimo numero.

E ora via con la consueta panoramica sul calcio straniero, dove possiamo gioire per il debutto vittorioso di Francesco Guidolin sulla panchina dello Swansea, che va a vincere per 2 a 1 sul campo della��Everton.

Giornata tutta a�?italianaa��, quella della Premier League, visto che anche Ranieri puA? legittimamente sorridere: il suo Leicester si sbarazza con un secco 3 a 0 dello Stoke (con ritorno al gol di bomber Vardy, un poa�� inceppato nelle ultime settimane) e, approfittando della sconfitta interna della��Arsenal contro il Chelsea, torna alla guida solitaria della classifica.

Dello scivolone dei a�?Gunnersa�� non riesce invece ad approfittare il Manchester City, che non va oltre al 2 a 2 in rimonta sul campo del West Ham.

Continua il buon momento di forma del Tottenham, che batte 3 a 1 in trasferta un Crystal Palace decisamente in crisi.

Crisi che continua in casa United: i a�?Red Devilsa�� perdono alla��Old Trafford contro il Southampton, e per Van Gaal si torna a parlare di esonero.

Spettacolare vittoria a Norwich, infine, per il Liverpool, che ha la meglio con un rocambolesco 5 a 4 che esalta la Kop.

Ha riaperto i battenti la Bundesliga, e la ritroviamo come la��avevamo lasciata: Bayern che va a vincere 2 a 1 ad Amburgo, e Borussia Dortmund che cerca di tenere il passo dei bavaresi, centrando un ottimo 3 a 1 a MA�nchengladbach.

Male le altre inseguitrici: solo pareggi per Herta Berlino e Bayer Leverkusen, sconfitti il Wolfsburg e lo Schalke04, che cade in casa contro la a�?miaa�� Werder Brema.

Si ferma di colpo la��effetto Zidane (ammesso ci sia davvero stato), nella Liga spagnola: il Real fatica anche solo a pareggiare a Siviglia contro il Betis, ma per sua fortuna il danno A? contenuto.

Nella sfida incrociata tra cittA�, infatti, la��AtlA�tico di Simeone non va oltre lo 0 a 0 casalingo contro il Siviglia.

Fa fatica anche il Barcellona, che perA? riesce a mettere in saccoccia i 3 punti: vittoria per 2 a 1 a Malaga, con gol-partita segnato dal solito Leo Messi.

Risultato, questo, che permette ai blaugrana di agguantare i a�?colchonerosa�� in testa alla classifica nonostante una partita in meno.

Rallenta anche la��unica squadra, tra le a�?normalia��, ad avere ancora un distacco accettabile dalle tre a�?biga��, ossia il Villareal.

Il a�?Sottomarino Gialloa�� impatta 2 a 2 sul campo della��Espanyol, e rimane quarto a 3 punti dal Real.

In Francia, fino ad ora, la��Angers era stata la bella sorpresa di un campionato che, al netto del PSG, A? davvero interessantissimo.

Proprio i parigini si sono presi la briga di rimettere al loro posto quelli che, per diverse settimane, sono stati i loro primi inseguitori: 5 a 1 al a�?Parco dei Principia�� e tutti a casa.

Vince e convince anche quella che si sta affermando come la vera seconda forza del campionato, ossia il Monaco: 4 a 0 in casa contro il Tolosa, e consolidamento del secondo posto (a -21 dai capitolinia��)

Al terzo posto sale il Nizza, dopo il 2 a 1 al Lorient, mentre inciampano le piA? a�?nobilia�� St. Etienne e Montpellier: i verdi non vanno oltre la��1 a 1 sul campo del Reims, mentre i biancoblu sono sconfitti in casa dal Caen (2 a 1).

Pareggio per 1 a 1, infine, in quello che qualche anno fa sarebbe stato un big match: Lione-Olympique Marsiglia.

Ora vale la��ottavo posto in campionato, a pari punti e in compagnia di una��altra a�?biga�� che fu: il Bordeaux.

A? tutto anche per questa settimana, buona Coppa Italiaa��e forza Grigi!

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.