Zona Zulie: Il primo scatto

C’è il primo scatto in avanti, in Serie A, ed è la Juventus campione in carica a farlo.
E se questo, magari, può risultare poco sorprendente, lo è certamente di più il modo: a decretare il primo posto solitario in classifica della Vecchia Signora, infatti, è il crollo del Napoli in casa della Sampdoria, con i blucerchiati che piazzano un sonoro 3-0 (sigillato da uno stupendo gol di tacco di Fabio Quagliarella) alla squadra di Carlo Ancelotti.

I partenopei sono apparsi piuttosto in difficoltà e, a differenza della sfida con il Milan, non hanno nemmeno mostrato quella capacità di reazione che aveva loro permesso di ribaltare la sfida con i rossoneri.

Carletto necessita di trovare una soluzione innanzitutto per quanto riguarda la regia della squadra: non ha funzionato, almeno al momento, l’esperimento-Hamsik, mentre Diawara appare ancora acerbo, dopo aver accumulato un po’ troppa panchina con Sarri.
Una soluzione potrebbe essere quella di posizionare Allan in quel ruolo, dato che il brasiliano ha la grinta dell’interditore, ma anche piedi abbastanza educati per sapere che farsene della palla.

Bianconeri in testa da soli, dunque, ma non per questo convincentissimi: la squadra di Max Allegri soffre anche a Parma, passando con discreta difficoltà (1-2), e con ancora l’assurda scelta di panchinare Dybala, Douglas Costa ed Emre Can.
Il tecnico continua a puntare sulla squadra ‘operaia’ di cui sono simbolo Khedira e Mandzukic (il croato ha comunque segnato 2 reti in 2 partite da titolare, anche non esattamente le più difficili e spettacolari del Mondo…) e, sarà un caso, ma con questa impostazione Cristiano Ronaldo è ancora a secco…
Forse che al portoghese serve una squadra che gioca?!

Ripartono le milanesi: il Milan aggiudicandosi il big match di giornata contro la Roma (2-1, gol partita siglato da Cutrone all’ultimo respiro), l’Inter faticando anche poco con un Bologna che appare davvero in grossa difficoltà.

Continua a mettersi in luce il Sassuolo, che batte il Genoa 5-3 e si issa in solitaria al secondo posto: i neroverdi non saranno impermeabili in difesa, ma segnano con facilità e, soprattutto, mostrano un gioco a tratti scoppiettante.

Bene anche la Fiorentina, che non replica i fuochi d’artificio dei settimana scorsa, ma ha comunque la meglio su un’Udinese che era stata un po’ la sorpresa delle prime due giornate.

Paga le fatiche europee l’Atalanta, beffata in casa dal Cagliari (0-1), mentre riesce finalmente a fare un punto il Chievo, seppur con uno scialbo 0-0 casalingo contro l’Empoli.

Si ferma il momento d’oro della SPAL, che cade a Torino (1-0), mentre con il medesimo punteggio una Lazio dal braccino corto si sbarazza del Frosinone.

In Premier League torna finalmente al successo il Manchester United, che si rimette in moto grazie alla doppietta di Lukaku al Burnley, squadra rivelazione dello scorso campionato, affaticata dai preliminari di Europa League.
Il risultato di giornata è però la vittoria del Watford sul Tottenham (2-1), che permette così alla squadra tifata da Elton John di rimanere a punteggio pieno assieme al Liverpool (2-1 esterno a Leicester) e al Chelsea di Sarri (2-0 casalingo con il Bournemouth).
Bene anche i campioni in carica del Manchester City, che dopo il deludente pareggio contro il Wolverhampton, vincono (2-1) sul campo del sempre ostico Newcastle (nonostante la squadra di Rafa Benitez non sia partita benissimo).

Continua con la sua andatura da schiacciasassi, in Germania, il Bayern Monaco, che segna altri 3 gol, stavolta in trasferta a Stoccarda (0-3). Altrettanti ne fa il Wolfsburg a Leverkusen (1-3), mentre a completare il terzetto di testa con un altro successo esterno importante è l’Herta Berlino, che si impone 2-0 in casa dello Schalke04.
Tra le altre ‘big’, il Borussia Dortmund non va oltre lo 0-0 ad Hannover, mentre l’Hoffenheim batte 3-1 il Friburgo. Il Lipsia, dopo la batosta all’esordio proprio in casa dei gialloneri, si ferma sull’1-1 contro il Fortuna Dusseldorf.
Da segnalare, infine, il prezioso successo esterno della Werder Brema, andata a vincere per 2-1 sul campo dell’Eintracht Francoforte, detentore della Coppa di Germania.

Trionfo esagerato, in Liga, per il Barcellona, che massacra l’Huesca con un 8-2 da Playstation, rimanendo in testa a punteggio pieno. A far compagnia ai catalani c’è solo il Real, grazie al 4-1 sul Leganes.
E’ quasi crisi per l’Atlético Madrid, sconfitto per 2-0 sul campo del Celta Vigo, e già a -5 dal gruppo di testa.
Nei due derby di giornata, finisce 2-2 quello di Valencia tra ‘Los Che’ e il Levante, mentre il Betis si aggiudica la stracittadina di Siviglia grazie a una rete del sempre(bianco)verde Joaquìn.

Chiudiamo come di consueto con la Francia, dove un redivivo Nizza – che ritrova finalmente Mario Balotelli – va a vincere sul campo del Lione (0-1), anche se il risultato più importante è la vittoria del Marsiglia a Montecarlo per 3-2 nel big match contro il Monaco.
Chiudiamo con un’altra vittoria esterna, quella del PSG che a Nimes si impone per 4-2, mandando ancora una volta a segno tutti e 3 i suoi moschettieri, cui si è aggiunto Di Maria.

Eccoci alla conclusione di questo numero, che porta anche alla prima sosta per le Nazionali, e quindi appuntamento tra due settimane!

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.