Zona Zulie: KeanGrande della Scala

Non poteva che essere dedicata a Moise Kean Bioty, la copertina settimanale di ‘Zona Zulie’, data la nota fede juventina e la convinzione che i vivai vadano valorizzati di chi scrive.

Kean, attaccante classe ’00 che la Juventus ha prestato all’Hellas Verona, ha segnato la sua prima doppietta in Serie A, risollevando dagli inferi i gialloblu, che con un imperioso 4-1 hanno travolto la Fiorentina al ‘Franchi’.

Una doppietta proprio contro la Viola: gli dei del calcio sono così…

E a proposito di Juve: la squadra di Max Allegri fatica non poco, pur con la doppia superiorità numerica, per sbarazzarsi dell’altra squadra scaligera, il Chievo. Alla fine è 2-0 per i campioni in carica, che rimangono così nella scia del Napoli capolista, e vittorioso tra le polemiche di VAR sul Bologna (3-1).

Anche se la perla tra le topiche ‘da moviola’ rimane il gol di gomito con cui Cutrone ha portato in vantaggio il Milan nella sfida contro la Lazio, vinta per 2-1 grazie a Jack Bonaventura, che ha rimesso davanti i rossoneri dopo il momentaneo pareggio di Marusic.

I biancocelesti sono forse la squadra finora più penalizzata dal VAR, mentre il Diavolo sembra aver innestato il giusto ruolino di marcia.

Quello che hanno perso Inter e Roma: i nerazzurri non vanno oltre l’1-1 a Ferrara contro la SPAL, mentre i giallorossi – distratti dalle vicende di mercato – cadono in casa contro una Samp formato europeo (0-1).

Ormai non fa più notizia l’Atalanta, che rifila un bel 3-0 in trasferta al Sassuolo, che rimane sempre invischiato nella ‘zona calda’, dove Crotone e Cagliari impattano 1-1, mentre il Genoa si fa sorprendere da un’Udinese corsara.

Netto 3-0, infine, del Torino sul povero Benevento.

Con la Premier League in stand-by causa FA Cup (si riprende tra stasera e domani), concentriamoci subito sulla Bundesliga, dove il Bayern spaventa i suoi tifosi finendo sotto 0-2 dopo 12 minuti contro l’Hoffenheim, salvo poi rinsavire e trovare la via del gol ben 5 volte.
Tengono il passo Bayer Leverkusen e Schalke04, appaiate al secondo posto ed entrambe vincenti per 2-0: le ‘Aspirine’ in casa con il Mainz, la squadra di Gelsenkirchen a Stoccarda.
Vince anche l’Eintracht Francoforte (2-0 contro il Borussia M’Gladbach), superando Lipsia (1-1 casalingo con l’Amburgo) e Borussia Dortmund (2-2 interno con il Friburgo).

In Spagna il Barcellona fatica più del dovuto in casa con l’Alaves (2-1), ma mantiene il suo ruolino. Bene anche l’Atlético Madrid (3-0) al Las Palmas e, soprattutto, un redivivo Real che va a vincere sul campo del Valencia (4-1).

Chiusura, come di consueto con la Ligue1, dove il PSG spazza via (4-0) il Montpellier, allungando sulle inseguitrici, dato che Marsiglia e Monaco pareggiano 2-2 nello scontro diretto, mentre il Lione è caduto a Bordeaux (3-1).
Da segnalare, da un’ottica italica, il vittorioso 3-0 in trasferta del Nantes di Claudio Ranieri a Guingamp, e il gol stagionale numero 19 (13 in campionato) di un ritrovato Mario Balotelli.

E anche stavolta è tutto, la settimana prossima si parlerà anche di mercato!

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*