Zona Zulie: Le ‘Volpi’ e l’uva

Partenza tanto insolita quanto doverosa, per questa edizione di a�?Zona Zuliea��!

Invece che cominciare, come di consueto, dalla Serie A, apriamo le danze con la Premier League, per celebrare come si deve la continuazione della favola del Leicester City targato Claudio Ranieri.

Le a�?Foxiesa�� hanno battuto anche il Chelsea di Mourinho (e ormai, per quanto assurdo possa sembrare, non fa nemmeno piA? notizia una sconfitta dei campioni in carica), e continuano a guidare in beata solitudine il campionato inglese, con 2 punti di vantaggio sulla��Arsenal (che ha vinto a Birmingham contro la��Aston Villa per 2 a 0) e 3 sul Manchester City (vittorioso solo nei minuti di recupero contro lo Swansea).

Ma in terra di Albione A? il momento anche per una��altra a�?cenerentolaa��, il Bournemouth che, dopo aver sbancato a�?Stamford Bridgea�� settimana scorsa, ha battuta pure un Manchester United sempre piA? depresso, vista anche la��eliminazione dalla Champions League.

Voci interne alla societA� dicono che la proprietA� A? soddisfattissima del lavoro che Louis Van Gaal sta facendo da un punto di vista manageriale, ma A? innegabile che a livello prettamente sportivo a�� viste anche le centinaia di milioni di sterline spese a�� qualcosa sarebbe da rivedere.

E se lo dico io che, A? noto, sono un super fan del a�?santonea�� olandesea��

Bene, veniamo al nostro campionato, prima di tornare come di consueto alle altre leghe straniere.

La��Inter, a Udine, ha dimostrato definitivamente di essere da Scudetto: quando vinci 4 a 0 in trasferta una partita dominata dalla��avversario (lo dicono i numeri, non Zuliani), vuol dire che hai i giusti attributi per arrivare in fondo.

Certo, al rotondo risultato ha contribuito in maniera determinante una difesa friulana da patibolo, ma la sostanza non cambia: la squadra di Mancini A? bella solida.

Che poi sia inguardabile, quello A? un altro discorso: se a fine campionato sarA� ancora in cima alla classifica, delle bruttissime partite vinte piA? per fortuna che per merito si ricorderanno in pochissimi, tra un brindisi e la��altroa��

Un discorso che, ovviamente, vale anche per la a�?miaa�� Juve: vince ma non convince, anche se il successo contro la Fiorentina A? importantissimo e ha pure dimostrato una crescita a�?mentalea�� da parte della squadra.

Per come A? oggi (ossia una compagine sparagnina che non ha uno straccio di gioco e con un centrocampo sul nullo andante), ha interpretato la partita coi viola in maniera quasi perfetta: senza frenesia, chiudendo bene gli spazi a un avversario certamente piA? organizzato e bello da vedere, e affidandosi poi al migliore a�� oggi a�� giocatore del campionato: Paulo Dybala.

Dovrebbero metterlo sui ceci, Allegri, per aver tentennato troppo prima di lanciarlo definitivamente: anche che perfetto percorso di crescita, ne avremmo vinta qualcuna in piA?, a cominciare da quella con la��Inter!

Evito di tornare sul a�?caso Morataa��, ponendo solo questa domanda: perchA� le stesse panchine a�?punitivea�� non se le becca anche Pogba?

Chiudo il discorso Juve con una��altra questione: quanti altri danni dovrA� fare Chiellini, prima che si capisca che ormai non A? piA? alla��altezza?

Sappiamo bene che il mister addirittura tra lui e Bonucci sacrificherebbe questa��ultimo (rimasto a�?contianoa��), perA? A? una cosa che non si puA? vederea��

La vittoria, per la Signora, vale comunque doppio, dato che Napoli e Roma si annullano a vicenda, impattando su un deprimente 0 a 0 per il quale, in veritA�, i partenopei avrebbero di che recriminare, visto che hanno praticamente giocato solo loro.

Ma da una squadra (quella giallorossa) che non riesce a battere in casa il Bate Borisova��

Depressione totale sulla��altra sponda dei Navigli: il Milan non va oltre la��1 a 1 casalingo contro il Verona ultimo in classifica, ed ha ragione il tecnico gialloblA? Delneri: presunti errori arbitrali o meno, il a�?Diavoloa�� queste partite DEVE vincerle!

Il punticino, peraltro, dA� una manina ina ina alla��Hellas, che accorcia seppur di pochissimo rispetto a quelle che le stanno davanti, ossia Carpi, Frosinone e Genoa, tutte e tre sconfitte (rispettivamente 3 a 0 ad Empoli, 4 a 1 a Palermo e 1 a 0 in casa col Bologna).

Pareggio che non serve a nessuno tra Lazio e Sampdoria (1 a 1), anche se il primo punto della��era- Montella un poa�� di morale lo porta in casa blucerchiata, mentre si addensano sempre di piA? le nubi sul cielo di Formello.

Non giocata per nebbia, infine, la sfida tra Sassuolo e Torino.

Torniamo, come si diceva prima, ad occuparci degli altri campionati, riprendendo il filo con la Bundesliga dove il Bayern (futuro avversario della Juventus agli ottavi di Champions Leaguea��) riprende subito la sua marcia dopo il crollo di MA�nchengladbach, battendo (anche se meno agevolmente di quanto si potesse ipotizzare) in casa la��Ingolstadt per 2 a 0.

Mantiene il passo il Borussia Dortmund, che strapazza per 4 a 1 la��Eintracht di Francoforte, mentre crolla proprio il a�?Gladbach, spazzato via a Leverkusen con un rotondo 5 a 0, con il solito a�?Chicharitoa�� Hernandez a�� tripletta per lui – sugli scudi per il Bayer.

Doppio stop per le due regione della Liga spagnola: il Barcellona si fa rimontare dal 2 a 0 al 2 a 2 in casa contro il Deportivo La Coruna, mentre il Real Madrid cade sul campo del Villareal (1 a 0).

Ad approfittarne A? la��AtlA�tico Madrid, che al a�?CalderA?na�� batte in rimonta (2 a 1) la��Atlhetic Bilbao, agguantando i catalani in vetta alla classifica e distanziando i a�?cuginia�� a -5.

In Francia, infine, si gioca ormai solo per regolamento: il PSG distrugge il Lione per 5 a 1 e allunga ancora in classifica (+17 sulla seconda), approfittando dei contemporanei 1 a 1 di Angers e Caen (rispettivamente in casa col Bordeaux e in trasferta a Rennes).

Approfitta del rallentamento delle a�?stranea�� inseguitrici il Monaco, che batte il St. Etienne e agguanta la��Angers al secondo posto.

Bene, prima di salutarvi, alcune informazioni riguardanti a�?All Time XIa��: detto che domani, in occasione del derby torinese di Coppa Italia, andrA� finalmente online la��11 a�?di semprea�� del Torino, con la��arrivo della fase ad eliminazione diretta delle coppe europee avremo di che divertirci.

Per gli ottavi di Champions League ci dedicheremo alla revisione del Bayern Monaco (avversario, come giA� ricordato, della Juventus), alla scoperta storica di due squadre della��Est che hanno superato la fase a gironi come Dinamo Kiev e Zenit San Pietroburgo e, infine, partirA� la serie dedicata a quelle squadre che sono arrivate fino in fondo senza perA? vincere mai la coppa.

Le prime saranno Valencia e Malmoe, quindi tra quarti, semifinali e finale toccherA� alle altre (non ci sarannoA�ilA�Monaco e le italiane Fiorentina, Roma e Sampdoria, in quanto giA� pubblicate).

La��Europa League, invece, vedrA� andare online Tottenham Hotspur e Galatasaray, avversarie rispettivamente di Fiorentina e Lazio.

Niente Villareal, avversario del Napoli, non trattandosi di una compagine nA� di tradizione nA� di grandi conquiste titolate.

Ma la��augurio A? che i partenopei passino il turno, cosA� da poterci concentrare anche sul loro prossimo avversario.

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.