Zona Zulie: Lo spezzatino non regala sorprese

Il campionato spezzatino concede diverse situazioni di momentanei allunghi, piuttosto che sorpassi o controsorpassi.

Ma, almeno per il momento, alla fine A? tutto come prima: Juventus in testa alla classifica, con 3 punti di vantaggio sul Napoli.

I bianconeri sprecano un poa�� troppo, nella��anticipo del venerdA� sera contro il Sassuolo, ma ci pensa il solito Dybala, con una delle sue magiche pennellate, a dare la vittoria alla Vecchia Signora, dopo un ispirato scambio con Cuadrado.

Si deve attendere il posticipo domenicale, per vedere la reazione del Napoli: impegnato contro un Palermo sempre piA? nel caos, col settimo (se non abbiamo sbagliato a fare i conti) allenatore stagionale (il redivivo Walter Novellino, che ha la straordinaria caratteristica di aver giA� lavorato per Zamparini senza esser stato esonerato), i partenopei non sembrano brillantissimi, qualcosa sprecano pure loro, trovano il rigoricchio per passare in vantaggio e, in qualche occasione, rischiano pure di subire il pareggio dei rosanero, a tratti imbarazzanti, ma che con qualche lampo hanno saputo dimostrare che il potenziale ci sarebbea��

Tiene il passo delle prime una Roma sempre piA? in forma, alla��ottava vittoria consecutiva (2 a 1 a Udine, coi padroni di casa vittime di una pesante e non esattamente civilissima contestazione a fine garaa��), che le vale il consolidamento del terzo posto e, perchA� no, anche la possibilitA� di tentare il colpaccio e rientrare sul duo di testa.

Un pensiero che dovrebbe far mangiare le mani, col senno di poi, a chi ha ritardato piA? del dovuto la��avvicendamento in panchina tra Garcia e Spallettia��

La��Inter batte 2 a 1 il Bologna, e agguanta al quarto posto la Fiorentina, fermata in casa (1 a 1) dal Verona ultimo in classifica.

I nerazzurri, ritrovatisi grazie al quasi capolavoro di Coppa Italia contro la Juventus, perdono perA? Icardi per infortunio: un handicap non di poco conto, in questo rush finale di campionatoa��

I viola, di contro, hanno sempre piA? la tendenza a volersi confermare come la a�?bella incompiutaa�� del torneo, caratteristica che peraltro era giA� ascrivibile alla precedente gestione targata Montella.

A proposito della��Aeroplanino: la sua Samp continua ad essere difficile da decifrare, ma conquista comunque un punto importante ad Empoli, viste le citate sconfitte di Palermo e Udinese, cui vanno aggiunte quelle della��Atalanta (2 a 0 a Roma, contro la Lazio in turnover da Europa League: doppietta del sempreverde Miroslav Klose, capitano di serata) e, soprattutto, del Frosinone, che perde lo scontro diretto a Carpi (2 a 1).

Ancora una��incertezza per il Milan: a Verona, non va oltre lo 0 a 0 contro un Chievo solido, che poteva anche fare il colpaccio.

Lo spogliatoio non pare esattamente una��oasi di felicitA�, senza contare le continue frecciatine tra il tecnico Mihajlovic e il presidente Berlusconi.

E, non a caso, ecco che si A? fatta spazio la voce della��arrivo a Milanello, per la prossima stagione, di Eusebio Di Francesco, magari accompagnato da quel Domenico Berardi che ai rossoneri segna quasi sempre, e che non pare convintissimo del ruolo da promesso sposo della Juventusa��

Brutta sconfitta a Genova, infine, per il Torino: in vantaggio per 2 a 0 (super doppietta di Ciro Immobile), i granata si fanno rimontare dal Grifone, fino alla sconfitta finale per 3 a 2 (doppietta dal dischetto della��ex Cerci, e gol-vittoria di Luca Rigoni).

Turno interlocutorio, in Inghilterra: i quarti di FA Cup (nei quali il Watford ha a sorpresa fatto fuori la��Arsenal detentore del trofeo, mentre la��Everton ha eliminato il Chelsea con una doppietta della��ex Lukaku, mentre il West Ham constringe a�� 1 a 1 a�� lo United al replay. A? invece giA� in semifinale anche il Crystal Palace, che ha eliminato il sorprendente Reading) hanno costretto a una giornata spezzatino, dove il Tottenham si A? portato avanti battendo 2 a 0 in trasferta la��agonizzante Aston Villa (doppietta di Harry Kane), e spera che questo risultato metta sotto pressione la capolista Leicester, impegnata stasera in una sfida piA? pericolosa di quel che dice la classifica.

La��avversaria della squadra di Ranieri, infatti, sarA� il Newcastle fresco di avvicendamento in panchina: via Steve McClaren e squadra affidata a Rafa Benitez, che torna in gioco dopo 2 mesi dal clamoroso esonero al Real Madrid.

Inciampa nuovamente il Manchester City, che potrebbe aver salutato definitivamente le proprie speranze di rientrare nella corsa al titolo, dopo lo scialbo 0 a 0 sul campo del Norwich City.

Buone notizie, a Southampton, per la��Italia: i ragazzi di a�?Ramboa�� Koeman battono per 2 a 1 lo Stoke City grazie a una doppietta di Graziano PellA?, che non segnava da una vita ed era da qualche tempo finito in panchina.

Prosegue la solita routine, in vetta alla Bundesliga: vincono infatti sia il Bayern (5 a 0 alla Werder Brema che, dando comunque per persa la partita, decide di fare turnovera��), sia il Borussia Dortmund (2 a 0) contro il Mainz.

La sfida piA? interessante di giornata era invece quella per il terzo posto tra Herta Berlino e Schalke04: se la aggiudica la squadra della Capitale, consolidando cosA� la vetta del a�?campionato umanoa��, ossia al netto dei due a�?marziania�� succitati.

Sale al quarto posto il Borussia MA�nchengladbach (3 a 0 alla��Eintracht Francoforte), che approfitta dello stop nello scontro diretto della squadra targata Gazprom, per effettuare il sorpasso.

In Spagna, il Barcellona vince con un tennistico 6 a 0 contro il Getafe, permettendosi anche il lusso di fallire un rigore con Leo Messi.

Sul velluto anche la��AtlA�tico Madrid, che in casa si sbarazza con un netto 3 a 0 del Deportivo La Coruna.

Fa decisamente piA? fatica il Real, che solo al 90imo riesce ad avere la meglio (2 a 1) in trasferta a Las Palmas.

Bel colpo del Siviglia, che batte 4 a 2 il Villareal, rosicchiando punti nella rincorsa al quarto posto che, per riprendere il concetto applicato alla Bundesliga, vale lo a�?scudettoa�� dei terrestri.

Chiudiamo celebrando il titolo piA? annunciato di sempre: il PSG A? campione di Francia con 2 mesi e 8 giornate da��anticipo, e festeggia seppellendo con 9 reti (a zero) il Troyes ultimo in classifica. Grande protagonista Zlatan Ibrahimovic, autore di ben 4 reti.

I parigini, trascinati dallo svedese, sono anche giA� in finale di Coppa di Lega (23 aprile contro il Lilla), in semifinale di Coppa di Francia e si sono pure conquistati i quarti di Champions League, eliminando il Chelsea: una��annata giA� fenomenale, che potrebbe diventare assolutamente epica.

Tornando al campionato, rischia di complicarsi il Monaco secondo in classifica: pareggia 2 a 2 in casa contro il Reims, e vede avvicinarsi il Nizza (vittorioso per 2 a 0 in trasferta a Montpellier) e deve tifare per il pareggio tra Rennes e Lione.

Abbiamo concluso anche per questa settimana, adesso buona Europa a tutti!

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.