Zona Zulie: Mal di Friuli

Si A? rivelata davvero poco piacevole, la ‘settimana friulana’ dell’Inter: prima la magra figura di un passaggio del turno in Coppa Italia solo dopo i rigori, a ‘San Siro’, contro una formazione di Serie C come il Pordenone. Quindi la disfatta casalinga contro l’Udinese, che si impone sui nerazzurri con un 3-1 che lascia poco spazio a dubbi e recriminazioni sull’andamento del match, e riporta in auge la figura di Massimo Oddo come giovane allenatore di prospettiva.

SarA� un caso, ma la squadra di Spalletti cade dopo il primo impegno extra campionato della sua stagione: a dimostrazione che la sua corsa, fino ad oggi, A? stata positivamente influenzata – rispetto alle concorrenti – dal non avere impegni infrasettimanali costanti. E che la rosa, in prospettiva futura, A? inadeguata da un punto di vista numerico: l’allenatore toscano puA? contare su 14-15 giocatori (i 13 titolari, considerando che Gagliardini, Vecino e Brozovic si giocano una maglia in 3,A�piA? EdA?r e Ranocchia), tra cui nessuna vera alternativa a Maurito Icardi. Che ha segnato anche contro l’Udinese, ma prima o poi avrA� bisogno anche lui di tirare il fiato.

Il problema, per il club del gruppo Suning, A? che c’A? ancora una certa incertezza su eventuali interventi sul mercato ‘di riparazione’: l’allenatore, ovviamente e a ragione, reclama acquisti, il ds Ausilio frena…

Del passo falso interista hanno ben approfittato Napoli e Juventus, entrambe vincitrici (1-3 dei partenopei in casa del Toro, 3-0 dei bianconeri a Bologna) e che si sono cosA� portate davanti al club milanese, installandosi rispettivamente al primo e secondo posto, con un solo punto a dividerle.

Visti anche gli altri risultati di giornata, pare abbastanza probabile che al giro di boa del girone si arrivi a una griglia a 4 in lotta per lo Scudetto, completata dalla Roma (vittoria tanto sparagnina quanto importante col Cagliari), in attesa dello scontro diretto tra i giallorossi e i ragazzi di Max Allegri.

Dietro, infatti, la Lazio si deve accontentare di un punto a Bergamo, dopo una doppia rimonta nello spettacolare 3-3 contro la ‘banda Gasperini‘.
Fa addirittura peggio la Samp, che cede in casa al Sassuolo (0-1, rete di un redivivo Matri).
Non parliamo poi del Milan, spazzato via (3-0) al ‘Bentegodi’ da un Hellas Verona che A? sembrato un gigante, e non una squadra in lotta per non retrocedere e con un allenatore per il quale la tifoseria invocava a gran voce l’esonero.

Un successo importante, in ottica salvezza, per la compagine gialloblu, cosA� come quello della SPAL in trasferta sul campo dell’ormai spacciato Benevento (1-2), e quello del Crotone contro l’altra squadra veronese, il Chievo (1-0).

Poco utile per entrambe, invece, il pareggio a reti inviolate tra Fiorentina e Genoa.

Il Manchester City ha praticamente ucciso il campionato, in Inghilterra, polverizzando un’altra diretta rivale per il titolo: 4-1 al Tottenham, avversario della Juventus in Champions.
Tentano di non mollare il colpo i ‘cugini’ dello United, che a fatica espugnano la casa del WBA (2-1), con il Chelsea terza forza dopo l’1-0 al Southampton.

Quasi finita anche la Bundesliga, con il Bayern che allunga sulle inseguitrici grazie al successo di Stoccarda (0-1), con Schalke04 che nel frattempo non va oltre il 2-2 a Francoforte contro l’Eintracht, e il Lipsia che addirittura cede in casa (2-3) all’Herta Berlino.
Torna al successo, risalendo al terzo posto, il Borussia Dortmund, che batte 2-1 l’Hoffenheim in rimonta.

Nella Liga turno favorevole alla capolista Barcellona, che se la cava senza patemi contro il Depertivo La Coruna (4-0), mentre il Valencia cade ad Eibar (2-1) e viene scavalcato al secondo posto in classifica dall’AtlA�tico Madrid, vincente contro l’Alaves (1-0), e in attesa che il Real Madrid neo campione del Mondo recuperi il match con il Leganes.

Botta e risposta a suon di poker tra PSG e Monaco, in Francia: i parigini rispondono allo 0-4 dei monegaschi a St. Etienne con il successo per 4-1 sul campo del Rennes.
Mantiene il passo il Lione, che prevale nello scontro diretto col Marsiglia (2-0), che scende al quarto posto.
Subito dietro le ‘italiane’ Nantes e Nizza: la squadra di Claudio Ranieri si sbarazza con il minimo sforzo dell’Angers, mentre nei rossoneri Mario Balotelli segna il gol-vittoria contro il Bordeaux.

E anche per questa settimana siamo arrivati ai saluti, buona settimana a tutti!

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.