Zona Zulie: Stanno scappando…

Ritorniamo dopo la sosta, e con un giorno di ritardo, per attendere il risultato di Genoa-Palermo.

PerchA� aspettare una partita a�?non di cartelloa�?? PerchA� il Genoa, con una vittoria, si sarebbe lanciato al terzo posto.

E invece, un sempre bel Palermo, trainato da un sempre piA? notevole Dybala, ha stoppato sulla��1 a 1 il a�?Grifonea�?.

Pareggi anche per i a�?cuginia�? della Sampdoria (difficoltoso 1 a 1 in rimonta con il Cesena), per il Napoli (pirotecnico 3 a 3 col Cagliari di Zeman), per la��Udinese (1 a 1 col Chievo, con gol numero 200 in Serie A per TotA? Di Natale: congratulazioni!) e nel a�?derby della Maduninaa�? (1 a 1, col a�?Faraonea�? che, in contropiede, graziava la��Inter centrando in pieno la traversa).

Risultato? Juve e Roma stanno scappando.

Entrambe impegnate nella��anticipo del sabato causa Champions League, le due a�?lepria�? hanno messo in saccoccia i tre punti, sebbene in maniera completamente diversa.

I giallorossi hanno la meglio a fatica sulla��Atalanta, passata in vantaggio dopo neanche un minuto, e fermata dalla traversa quando stava per piazzare il colpo del KO. Poi la rimonta, firmata quasi in solitaria dal ritrovato Ljajic, che pareggia, e serve poi a Nainggolan la palla della vittoria.

Di contro, i bianconeri hanno forse disputato la loro miglior partita della��era-Allegri, strapazzando con un secco 3 a 0 (che poteva anche essere piA? largo) la Lazio alla��Olimpico. In cattedra A? salito Paul Pogba, autore di una doppietta stratosferica (e centrando anche la��incrocio dei pali con un tiro a�?alla Del Pieroa�? che, se fosse entrato, avrebbe portato alla beatificazione del francesino). In mezzo la rete del a�?solitoa�? Carlitos Tevez, autore della��assist per la��1 a 0. Benissimo anche Pereyra, nel ruolo di trequartista, nessun problema per la a�?nuovaa�? difesa a 4.

Continuando cosA� le cose, si rischia anche questa��anno una corsa a due, con le altre lasciate indietro anche prima del solito.

Un poa�� lo stesso rischio che si corre nella Liga spagnola, dove il brusco rallentamento di Siviglia e Valencia, e il campionato altalenante della��AtlA�tico detentore del titolo, favorisconoA� – tanto per cambiare a�� Real Madrid e Barcellona.

La squadra di Ancelotti, trovata la quadra, A? diventata una macchina inarrestabile. Quella di Luis Enrique, dove aver a�?tirato il fiatoa�?, A? ripartita, e a trainarla A? tornato Leo Messi, che con la tripletta siglata qualche giorno fa, A? diventato il piA? prolifico bomber di sempre del campionato spagnolo con 253 reti, superando dopo decenni il basco Zarra.

In Inghilterra, invece, pare giochi tutto a favore del Chelsea di Mourinho. Che fa sempre il suo dovere, vedi il 2 a 0 di sabato contro il WBA. La prima, sorprendente alternativa ai a�?Bluesa�?, il Southampton, non A? andato oltre la��1 a 1 (in rimonta) in casa della��Aston Villa, mentre il City vince a fatica (2 a 1) in casa contro lo Swansea.

Continua la marcia di ripresa del Newcastle, che vince ancora (1 a 0 contro il QPR), issandosi addirittura in a�?zona Championsa�?, al quarto posto, appaiato al Manchester United. Il quale ha battuto nel big match di giornata la��Arsenal, sbancando per 2 a 1 la��Emirates Stadium. Per il a�?Gunnersa�? A? sempre piA? notte fonda. Idem per il Liverpool, che prende tre pappine dal Crystal Palace.

Se al di lA� della Manica il Chelsea sta prendendo il largo, in Bundesliga potrebbero giA� decretare la fine del campionato, assegnandolo al a�?solitoa�? Bayern Monaco. I bavaresi spazzano via la��Hoffenheim con un rotondo 4 a 0, mentre le due immediate inseguitrici, Wolsfburg e Borussia Ma��gladbach, prendono tre reti a testa (rispettivamente perdendo 3 a 2 contro lo Schalke04 e crollando in casa per 3 a 1 contro la��Eintracht di Francoforte) e vedono la squadra di Guardiola spiccare il volo. Continua la maledizione del Borussia Dortmund, che non va oltre il 2 a 2 sul campo del modesto Paderborn. Si ferma la rimonta della Werder Brema, che perde il a�?derbya�? contro la��Amburgo per 2 a 0, e riprecipita in zona retrocessione.

Chiudiamo come al solito con la Francia, dove la��Olympique Marsiglia reagisce alla grande rispetto al 2 a 0 patito nello scontro diretto col PSG, confermandosi in testa alla classifica con un bel 3 a 1 casalingo sul Bordeaux. Rispondendo proprio ai parigini, che nella��anticipo avevano vinto a Metz, soffrendo, per 3 a 2, con gol-vittoria di Lavezzi, dopo che la squadra di Blanc aveva sperperato il doppio vantaggio messo a segno nel primo quarto da��ora di match. Rallentano le inseguitrici, Lione e Nantes, fermate entrambe sullo 0 a 0, rispettivamente da Bastia e St. Etienne. Male il Monaco, che fatica a recuperare in casa contro il Caen, salvandosi sul 2 a 2.

Ce la��abbiamo fatta anche questa settimanaa��

A�

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.